Volontariato ecologico

Nella definizione delle attività e degli obiettivi del progetto, siamo stati guidati da un documento chiamato Piano d’Azione Ambientale Locale del Comune di Gradiška – LEAP , un piano d’azione a lungo termine nel campo della tutela dell’ambiente e del sostegno allo sviluppo sostenibile del Comune. Secondo le analisi del LEAP, sebbene Gradiška sia uno dei centri più sviluppati della Bosnia-Erzegovina, non si può dire che la società civile partecipi attivamente alla risoluzione dei problemi sociali, e soprattutto ambientali, della comunità locale. A causa di questa situazione di superficialità riguardo le questioni ambientali, nonché della mancanza di partecipazione volontaria della popolazione, i cittadini tendono ad avere un atteggiamento passivo rispetto al coinvolgimento nel processo decisionale locale e della partecipazione a specifiche azioni e campagne per risolvere i problemi, sia ambientali che di altro tipo. Questo atteggiamento è particolarmente pronunciato tra i giovani, che si sentono sempre più alienati a causa della mancanza di prospettive e dell’assenza di procedure istituzionalizzate per far sentire la propria voce. Questo si traduce non soltanto nella rinuncia alla lotta per un ambiente più pulito: infatti, la conseguenza più drastica è il desiderio di lasciare la città, espresso da gran parte dei giovani locali. Il superamento di questo stato di mancanza di consapevolezza rispetto alle questioni ambientali e di insufficiente partecipazione attiva dei cittadini richiede la creazione di condizioni per migliorare l’informazione e l’educazione ambientale. Sarebbe inoltre auspicabile creare canali di comunicazione con le istituzioni per favorire una maggiore partecipazione dei cittadini alla risoluzione dei problemi ambientali e di sviluppo, nonché per creare le condizioni per un vero e proprio attivismo civico nella protezione ambientale.

L’obiettivo generale del progetto è la partecipazione attiva della società civile, in particolare dei giovani , alla protezione dell’ambiente e al volontariato ecologico. Gli obiettivi specifici del progetto sono:

  • Creare le condizioni, nella comunità locale, per la valorizzazione del volontariato ecologico in quanto strumento fondamentale nella protezione dell’ambiente;
  • Aumento della consapevolezza ambientale attraverso attività di sensibilizzazione e informazione;
  • Allargamento della base di volontari, principalmente giovani, che parteciperanno ad azioni di tutela ambientale.

Il primo gruppo target è costituito da giovani e attivisti per l’ambiente, mentre il secondo gruppo target è l’intera popolazione locale nel Comune di Gradiška, che rappresenta anche l’utenza finalei. Si prevede che oltre 100 giovani volontari saranno coinvolti direttamente attraverso le attività del progetto, mentre il numero indiretto di beneficiari che sarà coperto dalle attività del progetto è molto più alto, e rientra nell’ordine delle decine di migliaia.

La durata prevista del progetto è di 7 mesi. L’inizio delle attività del progetto è previsto per agosto 2011 , mentre la fine delle attività del progetto è prevista per la fine di febbraio 2012

Nonostante Gradiška sia uno dei centri più sviluppati della Bosnia ed Erzegovina, non si può dire che la società civile partecipi attivamente alla risoluzione dei problemi sociali e soprattutto ambientali della comunità locale.

Il valore totale del progetto è di 35.273,00 KM. I fondi richiesti nell’ambito del bando di progetto sono 33.255,00 KM. Le quote di partecipazione ammontano a 2.018,00 KM. Oltre a tale importo, l’Associazione ha messo a disposizione anche la sede in cui avrà sede il Centro di Volontariato Ecologico.

I metodi che verranno utilizzati per raggiungere i risultati e gli obiettivi desiderati sono: campagne pubbliche e mediatiche, attività di volontariato, educazione, conferenze, tavole rotonde, nonché l’organizzazione del Servizio di Volontariato Locale del Comune di Gradiška.

I vantaggi di questo progetto sono molteplici. Le attività congiunte con la Polizia Municipale creeranno buone relazioni reciproche tra le istituzioni pubbliche e le organizzazioni della società civile, che contribuiranno a una soluzione più efficace dei problemi sul campo. Attraverso le attività dirette dei volontari sul campo e la campagna pubblica e mediatica, verrà risolto un gran numero di problemi ambientali nella comunità locale; in primo luogo aumentando la consapevolezza della popolazione locale sull’importanza della protezione e della conservazione dell’ambiente.